IPERSENSIBILITÀ AI DENTI: come, quando e cosa fare.

27 Novembre 2020
denti sensibili

-ipersensibilità: quando le pareti non sono più tutte al loro posto-

Come si riconosce e come si manifesta.

L’ipersensibilità può manifestarsi quando una parte di dente, che normalmente è coperta, viene esposta. Sto parlando della dentina, il tessuto che ricopre la polpa e che a sua volta dovrebbe essere ricoperta -dallo smalto a livello della corona del dente e dal cemento sulla radice-.

Questa dentina è attraversata da dei canalini che arrivano fino alla polpa. Se questi canalini sono aperti ecco che può esserci una stimolazione della polpa –la parte innervata e vascolarizzata del dente-  e quindi il dolore che, in assenza di altre patologie che riguardano i denti, prende il nome di ipersensibilità dentinale.

Tipicamente il dolore dell’ipersensibilità è acuto, localizzato, e regredisce gradualmente con l’eliminazione dello stimolo che può essere:

termico: quando a disturbare sono alimenti e bevande tipicamente freddi, ma anche troppo caldi.

tattile: il dolore è dato dal contatto di strumenti, più spesso metallici, con la porzione di dente sensibile.

chimico: la sensibilità è successiva al contatto con cibi acidi e bevande contenenti carboidrati.

osmotico: quando zucchero e sale si interfacciano con la dentina esposta.

Da cosa origina.

Posto che se tutti i tessuti (smalto, cemento, gengiva) sono al loro posto, integri, l’ipersensibilità non c’è, quali sono i fattori che possono causarne la perdita, l’esposizione della dentina e quindi l’ipersensibilità?

  • RECESSIONE GENGIVALE: la gengiva non è più al suo posto ma è scesa, (i motivi per cui avviene in questo articolo)
  • PERDITA DI CEMENTO DELLA RADICE: evenienza piuttosto probabile poiché il cemento radicolare è sottilissimo nella prima porzione della radice, a partire dalla corona, basta molto poco per rimuoverlo completamente (spazzolini duri, dentifrici abrasivi, acidità, strumentazione aggressiva…)
  • PERDITA DI SMALTO DELLA CORONA: per acidità e quindi erosione, bruxismo, abrasioni, abitudini viziate, …

Cosa fare se ne soffri.

Individuare la causa della perdita e interromperla è la PRIMA CURA.

Ti faccio un esempio: se soffri di reflusso gastroesofageo e quindi stai erodendo i denti la prima cura è interrompere l’acidità ossia risolvere il reflusso. Se stai usando dentifrici molto abrasivi, la prima cura è cambiare dentifricio. E così via: cerca di capire il perché.

La SECONDA COSA da fare è: scegliere strumenti efficaci e utilizzarli con perizia. Sia perché lo strumento e il prodotto possono sostenere le condizioni che portano all’ipersensibilità sia perché un’igiene incompleta e quindi il deposito di placca, pur non restituendo dati certi la letteratura sul suo intervento nella sensibilità, comunque rappresentano una barriera al lavoro di mineralizzazione della saliva, terzo pilastro fondante la terapia dell’ipersensibilità.

Perché una volta individuata la causa, perfezionata tecnica e strumenti, la TERZA COSA da fare è cercare di contrastare la stimolazione della polpa attraverso l’utilizzo di prodotti specifici che possono agire in 2 modi:

1) occludendo i tubuli (quei canalini che dalla dentina arrivano alla polpa).

2) interferendo sulla percezione dello stimolo e quindi sulla trasmissione nervosa.

Il primo è il più utilizzato ed è quello che a livello scientifico trova riscontri più chiari. Si apportano minerali che si depositano all’ingresso dei tubuli dentinali impedendo lo spostamento di fluidi al loro interno, processo alla base della stimolazione dolorosa.

Sono i prodotti che contengono fluoruri, arginina, carbonato di calcio, cloruro di stronzio, nano idrossiapatite

Altra attività è riservata a dentifrici e collutori contenenti sali di potassio i quali non agiscono mineralizzando, ma bloccando l’impulso nervoso. Sull’efficacia di questi prodotti gli studi restituiscono dati discordanti. Pare che in alcuni casi ci sia un’importante effetto placebo.

Quando tutto ciò non basta.

Quando pur avendo:

  • eliminato l’utilizzo di dentifrici abrasivi (attenzione ai dentifrici whitening! –approfondisco qui-);
  • eliminato l’utilizzo di strumenti aggressivi e quindi di spazzolini duri;
  • posticipato lo spazzolamento dei denti di almeno 30 minuti dopo i pasti;
  • limitato il consumo di alimenti acidi,
  • utilizzato prodotti specifici per la sensibilità (dentifrici, collutori o mousse);
  • escluso la presenza di altre patologie a carico dei denti;

la sensibilità non regredisce, è possibile valutare assieme al proprio professionista di riferimento l’applicazione in studio di prodotti specifici.

La diagnosi non spetta a noi.

Ho raccolto in questo articolo le informazioni chiave per la gestione dell’ipersensibilità. Dò per scontato che ti sia accertato sia proprio questo il tuo problema. L’autodiagnosi ha un margine d’errore altissimo. Una buona visita di controllo è e rimane il punto di partenza.


Se vuoi contattarmi, cliccando sul bottone di seguito, accedi ai miei contatti. Rispondo sempre.


CONTATTAMI

Scrivo, random, delle mail che ti aiutano a risparmiare tempo e soldi dal dentista, che ti aiutano a rimanere in salute. Puoi riceverla anche tu.


VOGLIO ISCRIVERMI


Foto:

nikola-johnny-mirkovic-1322978-unsplash.jpg

Bio:

Davari A, Ataei E, Assarzadeh H. Dentin hypersensitivity: etiology, diagnosis and treatment; a literature review. J Dent (Shiraz). 2013;14(3):136-145.

Martens LC. A decision tree for the management of exposed cervical dentin (ECD) and dentin hypersensitivity (DHS). Clin Oral Investig. 2013 Mar;17 Suppl 1(Suppl 1):S77-83. doi: 10.1007/s00784-012-0898-7. Epub 2012 Dec 23. PMID: 23262746; PMCID: PMC3585983.

Liu XX, Tenenbaum HC, Wilder RS, Quock R, Hewlett ER, Ren YF. Pathogenesis, diagnosis and management of dentin hypersensitivity: an evidence-based overview for dental practitioners. BMC Oral Health. 2020;20(1):220. Published 2020 Aug 6. doi:10.1186/s12903-020-01199-z

http://www.cda-adc.ca/jcda/vol-69/issue-4/221.html

Addy M, West NX. The role of toothpaste in the aetiology and treatment of dentine hypersensitivity. Monogr Oral Sci. 2013;23:75-87. doi: 10.1159/000350477. Epub 2013 Jun 28. PMID: 23817061.

Twetman S. The evidence base for professional and self-care prevention–caries, erosion and sensitivity. BMC Oral Health. 2015;15 Suppl 1(Suppl 1):S4. doi:10.1186/1472-6831-15-S1-S4

Poulsen S, Errboe M, Lescay Mevil Y, Glenny AM. Potassium containing toothpastes for dentine hypersensitivity. Cochrane Database Syst Rev. 2006 Jul 19;2006(3):CD001476. doi: 10.1002/14651858.CD001476.pub2. PMID: 16855970; PMCID: PMC7028007.

collutori con alcol i rischi

COLLUTORIO: PERCHÈ SCEGLIERLO SENZA ALCOL.

-quanto vuoi rischiare?- Alcol nei collutori, qual è il rischio? Il rischio è di esporre le mucose della bocca a una sostanza i cui benefici hanno un peso inferiore rispetto agli effetti collaterali. Gli studi non ci danno ancora un parere unico incontrovertibile. Ma…

23 Ottobre 2020
gengive delicate

“HO LE GENGIVE SENSIBILI!”. “SICURO?”

-sensibili o suscettibili o delicate?- “Ho le gengive sensibili” non ha un significato clinico-patologico. Le gengive sono sempre sensibili, nel senso che hanno dei recettori che permettono di percepire gli stimoli (ammenoché non ci sia una parestesia). Le gengive possono essere: sottili, infiammate, possono…

21 Agosto 2020
dentifrici per le gengive

DENTIFRICI PER LE GENGIVE

Cosa troverai in questo articolo: Dentifrici pensati per chi ha suscettibilità gengivale, tendenza a sviluppare gengiviti, gengive “delicate”. Dentifrici che si prendono cura anche dei denti, non solo delle gengive. Dentifrici facilmente reperibili con prezzi abbordabili. Cosa NON troverai in questo articolo: Tutti i…

24 Luglio 2020
clorexidina

GENGIVE INFIAMMATE E CLOREXIDINA: COME E QUANDO PUÒ AIUTARCI

-clorexidina: il buono, il meno buono e le indicazioni di utilizzo- Per dirla con una formula matematica: Clorexidina : gengivite = fluoro : prevenzione carie (clorexidina sta a gengivite come fluoro sta a prevenzione della carie). Per intenderci, quando siamo suscettibili alla carie la…

26 Giugno 2020
gengive infiammate cosa fare

GENGIVE INFIAMMATE: COSA FARE.

-il primo soccorso- Tranne rari casi, che vedono l’intervento di alcuni farmaci, le gengive sono infiammate, quindi sono gonfie, arrossate e sanguinano, perché c’è qualcosa che le disturba (ne parlo qua). Questo qualcosa è la placca. Va da sé che rimuovere la placca è…

29 Maggio 2020
zuccheri non cariogeni

LO ZUCCHERO CHE NON FA VENIRE LA CARIE.

-tipi di zuccheri e carie– Senza zucchero è meglio, ma l’alternativa esiste. Se lo zucchero è il principale indagato per la carie, e il dolce un gusto ricercato, può aiutare, in ottica di prevenzione della carie e delle malattie zucchero-correlate, conoscere le alternative che…

15 Maggio 2020
il legame dello zucchero con la carie

CARIE: CHE RUOLO HA LO ZUCCHERO.

-gli effetti a cascata dello zucchero- Lo zucchero fa venire la carie. Potremmo definirlo un truismo, un assoluto oramai. Ma qual è il ruolo dello zucchero nella carie? A quali zuccheri e a quali aspetti dell’assunzione degli zuccheri va fatta attenzione per prevenire la…

1 Maggio 2020
DENTIFRICIO SENZA FLUORO

DENTIFRICIO SENZA FLUORO. QUAL’È L’ALTERNATIVA?

-idrossiapatite vs fluoro- Perchè il fluoro? Il fluoro è, per i denti, il remineralizzante con più studi alle spalle che ne supportano l’efficacia nella prevenzione della carie, in particolare quando utilizzato attraverso il dentifricio (ne parlo qua). Tuttavia non è l’unica possibilità a nostra…

17 Aprile 2020
legame bocca corpo

BOCCA E CORPO: COME DA UN PROBLEMA NE PUÒ SORGERE UN ALTRO.

-la salute della bocca si riflette su tutto il corpo- È un po’ che ti dico che prendersi cura della bocca è importante non solo per avere denti belli e gengive sane, ma per il benessere dell’intero organismo. Ora ti vorrei portare in viaggio,…

3 Aprile 2020