GENGIVE INFIAMMATE: COSA FARE.

29 Maggio 2020
gengive infiammate cosa fare

-il primo soccorso-

Tranne rari casi, che vedono l’intervento di alcuni farmaci, le gengive sono infiammate, quindi sono gonfie, arrossate e sanguinano, perché c’è qualcosa che le disturba (ne parlo qua).

Questo qualcosa è la placca. Va da sé che rimuovere la placca è la soluzione.

La meccanica.

Quindi, prima cosa da fare per provare a risolvere l’infiammazione: potenziare le manovre d’igiene orale. Sì a spazzolino, almeno 2 volte al giorno, a filo o scovolino, usati con attenzione e precisione (per confermare che le manovre soddisfino questi attributi è utile fare una prova con le pastiglie rivelatrici di placca). Tutto questo anche se la zona o le zone sanguinano.

Il sanguinamento non va visto come un deterrente alle manovre d’igiene, ma come un incoraggiamento alla detersione.

E’ la cosa più economica e più efficace che si possa fare in prima battuta quando subentra un’infiammazione.

La chimica.

Il principio attivo considerato attualmente d’elezione per trattare infiammazioni gengivali acute è la CLOREXIDINA.

Può quindi essere d’aiuto utilizzare prodotti che la contengono, ma attenzione perché la clorexidina va utilizzata con parsimonia e cautela, per un periodo limitato di tempo.

Queste alcune indicazioni a carattere generale (quelle specifiche ve le dà il vostro igienista dentale/dentista) per il suo utilizzo attraverso il collutorio in caso di infiammazione gengivale.

  • 2 sciacqui a giorno, mattina e sera, di 1 minuto ciascuno, con poco collutorio contenente clorexidina allo 0,12% o 0,20% (ATTENZIONE: non va diluito!)
  • Lontano dall’utilizzo del dentifricio se il dentifricio contiene tra gli ingredienti il Sodio Lauril Solfato (SLS) che inattiva la clorexidina.
  • Per un periodo di 10-14 giorni, non di più, non finché finisce il flacone.

La clorexidina aiuta a ridurre la placca e il sanguinamento, ma ha degli effetti collaterali. Per questo è opportuno non abusarne.

Nel prossimo articolo ne approfondirò indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali e utilizzo.

Quando meccanica e chimica non risolvono.

Se intensificando e migliorando la pulizia a casa, utilizzando antibatterici specifici, nel giro di pochi giorni non migliora, è probabile che sia necessaria una seduta d’igiene orale professionale perché potrebbe esserci del tartaro, magari sotto gengiva, otturazioni debordanti o fattori di ritenzione che rappresentano una nicchia per i batteri e per la loro stratificazione e di conseguenza, se non rimossi, diventano serbatoio di infiammazione.

Cosa non fare.

Tralasciare la pulizia della zona perché sanguina. Così facendo l’infiammazione anziché ridursi si potenzierà e allora sì sarà indispensabile l’intervento clinico dell’igienista dentale o del dentista.

La regola generale:

Ogni infiammazione rappresentata da sanguinamento o/e gonfiore, non riconducibile all’utilizzo di alcuni farmaci (anti-epilettici, immunosoppressori, antipertensivi), che non si risolve intensificando e aumentando la precisione delle manovre d’igiene orale domiciliari, o che si ripresenta dopo un iniziale miglioramento, va valutata dall’igienista dentale o dall’odontoiatra.


Ogni settimana mando una mail agli iscritti alla newsletter. Regalo informazioni che, se applicate, riducono drasticamente il ricorso al dentista. Puoi riceverla anche tu.


VOGLIO ISCRIVERMI

Se vuoi contattarmi, cliccando sul bottone di seguito, accedi ai miei contatti. Rispondo sempre.


CONTATTAMI


You Might Also Like